Monday, February 28, 2011

Strudel di mele con pasta frolla

Lo strudel è un dolce a pasta arrotolata e ripiena a base di mele, pinoli, uvetta e cannella. Se pensiamo all'Apfel strudel, lo strudel di mele, è naturale pensare all'Austria oppure alla Germania visto che il nome deriva dal tedesco e significa vortice. Anche in Italia è molto conosciuto perchè tradizionalmente viene preparato nelle regioni del Trentino Alto Adige, nel Veneto e nel Friuli Venezia Giulia. Invece volendo risalire alle origini dello strudel scopriremmo che è originario dell'Impero Bizantino. Sembrerebbe infatti che i mercanti Greci, nei loro viaggi in oriente, scoprirono un dolce preparato dagli Assiri che consisteva nell'infornare un miscuglio di noci tritate e miele avvolte in una pasta, creando quindi il predecessore della baklava. I greci lo importarono ad Atene e lo svilupparono creando una tecnica che permise di arrotolare la pasta in sfoglie sottili, come foglie appunto, e quindi avvolgere le noci in numerosi strati molto soffici. Questa pasta si chiama oggi phyllo (o filo, fillo), dal greco con significato di foglia e con la quale viene fatta la baklava.
 Vi starete chiedendo cosa c'entra la Baklava con lo strudel?
 Ebbene lo strudel non è altro che una variante della baklava ( o baclava) che è un dessert ricchissimo di zucchero, frutta secca e miele molto popolare in Turchia e quasi tutte le cucine arabe.
 Adesso vi starete chiedendo com'è che è arrivato quì in Europa?
 Nel XVI secolo i Turchi-ottomani sconfissero gli Ungheresi ed assediarono anche Vienna, dominando, poi, l'Ungheria per ben 200 anni. Quindi il popolo ungherese ne assimilò in questo periodo moltissime usanze e tradizioni culinarie. Ovviamente, però, gli ungheresi apportarono anche delle modifiche: aggiunsero le mele che a quei tempi abbondavano in Ungheria e fu così che la baklava diventò strudel o meglio apfel strudel. Poi con l'Impero Austro-Ungarico questo dolce si è diffuso in tutto il mondo ed infatti in Italia viene preparato nelle terre che un tempo erano sotto la dominazione austro-ungarica. Ogni luogo ha poi la sua ricetta: con la pasta frolla, con pasta da strudel (tradizionale, sottile: vi si arrotolano le mele dentro prima di metterla in forno) o con pasta sfoglia.
Ne esistono anche versioni con altri tipi di frutta: pere, albicocche, frutti di bosco e c'è anche chi applica la formula dello strudel anche per preparare torte salate, ad esempio con verdure, crauti e salumi.
Ma passiamo alla preparazione di questa delizia, per la quale devo ringraziare la mia sorellina, preparata con pasta frolla:


Ingredienti per la pasta frolla:
200 gr di farina
80 gr di burro
50 gr di zucchero
1 uovo
un pizzico di cannella
un pizzico di lievito per dolci o bicarbonato
2 cucchiai di limoncello o altro liquore a piacere

Per il ripieno:
1 cucchiaio di marmellata di arance o altre (facoltativo)
2 mele
1 cucchiaio di zucchero
uvetta, pinoli, cannella a piacere
1 scorza grattugiata di limone
Succo di un limone
qualche biscottino sbriciolato o in alternativa un cucchiao di pangrattato

Preparate la pasta frolla: In una terrina mischiate la farina, lo zucchero ed il bicarbonato (oppure il lievito), formate una fontana ed al centro mettete l'uovo, un pizzico di cannella, il liquore ed il burro liquefatto. Impastate fino a che l'impasto risulti lisco ed omogeneo, formate una palla, avvolgetela in carta velina e fatela riposare in frigo per una mezz'oretta circa.
Nel frattempo tagliate le mele a fettine sottili e spruzzatele con il succo di limone per non farle annerire.
Prendete la pasta dal frigo e, aiutandovi con il matterello, stendetela per il lungo sulla carta da forno formando un rettangolo.
Mettete gli ingredienti del ripieno su metà del rettangolo nel seguente ordine: spalmate la marmellata e adagiatevi sopra le fettine di mele, poi cospargete con lo zucchero, l' uvetta, i pinoli, la cannella, la scorza di limone grattugiata e qualche biscottino sbriciolato (foto 1).
Ripiegate il lato vuoto della pasta sopra le mele e chiudete bene i bordi (foto 2). Trasferite lo strudel con la carta da forno sulla teglia e cuocete in forno preriscaldato a 160° per 20 minuti.
Buon appetito!

No comments:

Post a Comment